previous arrow
next arrow
PlayPause
previous arrownext arrow
Slider
AttualitàPrimo piano

Quadrini: “Riavviare la produzione in Ciociaria”

Il capogruppo provinciale di Forza Italia Gianluca Quadrini sostiene che in Ciociaria la produzione debba ripartire al più presto, rispettando le norme di sicurezza, altrimenti si corre il rischio che piccole e medie imprese spariscano al termine dell’emergenza.

La questione è che in Ciociaria la produzione sta crollando – dichiara Quadrini – Non lavorano da quasi due mesi gli operatori del turismo, del commercio, dei servizi, dell’edilizia. Non lavorano i bar, i ristoranti, gli alberghi. Non lavorano gli artigiani, gli agricoltori.Il settore vitale dell’automobile è fermo. Dobbiamo chiederci davvero quante filiere produttive non riusciranno più a mettersi in moto dopo uno stop così lungo e drammatico. E’ crollata la domanda, stanno crollando i consumi. Non c’è più la liquidità, nessuno fattura. Siamo tutti perfettamente consapevoli che parliamo di competenze e scelte di carattere nazionale e regionale. Ma sarebbe un bel segnale se la nostra provincia riuscisse a dare un input chiaro e condiviso“.

Quadrini ha poi aggiunto che con la riapertura dovrà essere garantita la sicurezza: la tutela dei lavoratori è infatti sacra, lo era prima e lo è ancor di più adesso.

Infine ringrazia il presidente regionale Nicola Zingaretti e l’assessore all’agricoltura Enrica Onorati per l’ordinanza regionale che permette agli agricoltori di spostarsi per la coltivazione dei terreni.

Poi ci sono dei settori, come quello dell’agricoltura, che hanno bisogno di un sostegno straordinario – conclude Quadrini – Un appello da noi prontamente lanciato a favore dei tanti agricoltori e hobbisti della nostra provincia, che da mesi si vedono costretti a non poter raggiungere i propri terreni con danni irreparabili ed ora finalmente accolto. Ma si tratta di un primo passo. Ora il tema è la riapertura delle attività. Altrimenti, finita la pandemia, il futuro di intere generazioni sarà segnato. In Ciociaria più che in Italia“.

 

 

Leave a Response