previous arrow
next arrow
PlayPause
previous arrownext arrow
Slider
CronacaPrimo piano

Operazione antidroga a Fiuggi e nell’area nord della Ciociaria, 10 arresti

I Carabinieri della Stazione di Fiuggi e i militari della Tenenza della Guardia di Finanza della città termale hanno sgominato una complessa organizzazione dedita allo spaccio di droga nella provincia di Frosinone.

Le ordinanze applicative di misure cautelari personali sono state emesse, dal Gip del Tribunale di Frosinone e dal Tribunale per i Minorenni di Roma, nei confronti di 6 persone appartenenti ad un unico gruppo criminale dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti, diviso in tre fazioni, che operava nei comuni dell’alta Ciociaria e, precisamente, nei territori compresi tra Alatri, Fiuggi, Acuto, Torre Cajetani, Trivigliano, Vico nel Lazio e Frosinone.

Le indagini svolte, coordinate dai pubblici ministeri Adolfo Coletta e Maria Teresa Leacche, rispettivamente della Procura della Repubblica di Frosinone e della Procura per i minorenni di Roma, che si sono protratte per lungo tempo, da febbraio 2018 al marzo 2019, al fine di ricostruire la struttura della gang, hanno evidenziato i ruoli degli indagati, i quali avevano creato una florida piazza di spaccio proprio nella centralissima piazza Spada di Fiuggi.

In particolare, è stato accertato che le cessioni di stupefacenti avvenivano, previ accordi telefonici e successivi incontri, in luoghi di maggiore aggregazione giovanile dei comuni interessati.

Sei le misure cautelari: 4 in carcere (di cui due al carcere minorile), due obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria. E’ quanto disposto dal gip del Tribunale di Frosinone e dal Tribunale per i Minorenni di Roma, i quali, confermando il quadro probatorio rappresentato dai militari operanti e formalizzato dalla richiesta dei pubblici ministeri inquirenti, hanno emesso apposite ordinanze applicative di custodia cautelare nei confronti di 6 persone fisiche, di cui due all’epoca dei fatti minorenni.

I provvedimenti restrittivi hanno riguardato soggetti di età compresa tra i 20 e i 46 anni, residenti nei comuni di Fiuggi, Alatri e Trivigliano.

Contestualmente all’esecuzione dei provvedimenti cautelari, sono state eseguite 29 perquisizioni domiciliari nei territori interessati nei confronti di soggetti coinvolti, a vario titolo, nella vicenda giudiziaria in questione. L’operazione ha interessato le province di Frosinone, Roma, Latina e Perugia e sono stati impiegati complessivamente 150 militari della Guardia di Finanza e Carabinieri, con il supporto di un mezzo aereo della Sezione Aerea della Guardia di Finanza di Pratica di Mare e l’ausilio di 5 unità cinofile delle Fiamme Gialle e dell’Arma dei Carabinieri.

Nel corso delle perquisizioni sono state arrestate, in flagranza di reato, altre 4 persone per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, tutte di giovane età, trovate in possesso, complessivamente, di 15,2 chili tra hashish e marijuana, materiale per il confezionamento, bilancini di precisione. In tre delle loro abitazioni sono state rinvenute le somme contanti, rispettivamente di 20 mila euro, 16 mila euro e 3.500 euro, poste sotto sequestro poiché ritenute provento dell’attività di spaccio.

E’ stata, inoltre, denunciata un’altra persona per il medesimo reato e sono state segnalate alla Prefettura di Frosinone altre 6, trovate in possesso, complessivamente, di 5,8 grammi di hashish, 14 grammi di marijuana e 0,20 grammi di cocaina.

Nel corso dell’attività investigativa, oltre ad aver individuato in provincia di Roma e Latina i canali di approvvigionamento delle sostanze stupefacenti, erano state già arrestate complessivamente, in flagranza di reato, 4 persone per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, denunciate 6 persone e segnalate altre 16 alla Prefettura di Frosinone nonché sottoposti a sequestro:
– 150 grammi di hashish;
– 13 grammi di marijuana;
– 6 grammi di cocaina;
– 2 grammi di crack;
– materiale per il confezionamento e la pesatura della sostanza stupefacente;
– denaro contante costituente provento dell’attività di spaccio.

La sinergia e la collaborazione di tutto il personale delle Forze dell’Ordine intervenuto ha consentito di portare a termine con successo l’operazione antidroga.

Leave a Response