nardonirag
Confcommercio Lazio Sud
720x576
720x576
720x576
p-b-jpeg-1
Confcommercio Lazio Sud
Confcommercio Lazio Sud
Banner ASL FR - proposta 1
PlayPause
previous arrow
next arrow
720x576
720x576
720x576
p-b-jpeg-1
Confcommercio Lazio Sud
Confcommercio Lazio Sud
Banner ASL FR - proposta 1
previous arrow
next arrow
CronacaPrimo piano

Velletri: ricette mediche false, cinque arresti

I NAS di Latina arrestano 5 persone per ricettazione, falso in certificazioni mediche, detenzione illecita e spaccio di farmaci ad azione stupefacente.

Nel comune di Velletri (RM) dall’alba di questa mattina è in corso un’operazione dei Carabinieri del NAS di Latina, con l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di 5 persone indagate per ricettazione, falso materiale in certificazioni mediche e detenzione illecita di sostanze stupefacenti per finalità di spaccio.

Sono impiegati militari del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, del Comando Antifalsificazione Monetaria, del Comando Provinciale Roma con l’ausilio del Nucleo Elicotteri Carabinieri di Pratica di Mare (RM), per finalizzare i 5 provvedimenti restrittivi della libertà personale emessi dal Gip del Tribunale di Velletri (RM).

 

L’indagine è scaturita a ottobre 2019 da una denuncia sporta da un titolare di una farmacia pontina a cui una delle indagate aveva esibito una falsa prescrizione medica di un farmaco ad azione stupefacente “DEPALGOS,  un analgesico oppioide il cui principio attivo  è un composto di  Ossicodone e di Paracetamolo.

I successivi approfondimenti investigativi, compiuti attraverso un’intensa attività investigativa, hanno permesso di definire il “modus operandi”. Nel corso del periodo delle investigazioni (ott.2019 – gen. 2021) è stata monitorata una “piazza di spaccio parallela” di circa 4.000 compresse del suddetto medicinale, per un profitto illecito di circa 50.000 euro.

A riscontro dell’attività svolta, il nucleo antisofisticazioni pontino nel contesto di mirate precedenti perquisizioni effettuate presso le abitazioni di alcuni indagati oltre a sequestrare vario materiale utile ai fini probatori, accertava anche il coinvolgimento, nella stampa di alcune false ricette mediche, di una tipografia per la quale l’A.G. ha disposto un decreto di perquisizione.

Leave a Response