720x576
720x576
720x576
p-b-jpeg-1
PlayPause
previous arrow
next arrow
720x576
720x576
720x576
p-b-jpeg-1
previous arrow
next arrow
Primo piano

Cassino: emanata l’ordinanza anti-assembramenti, si parte sabato 27 febbraio

Il sindaco di Cassino Enzo Salera ha emanato l’ordinanza finalizzata a impedire gli assembramenti.

A decorrere da sabato 27 febbraio, e fino al 28 marzo, in tutti i giorni e nell’intero territorio comunale è vietata in ogni caso la consumazione sul posto e nelle adiacenze dell’esercizio degli alimenti e delle bevande acquistate per asporto.

L’ordinanza specifica che per adiacenze si intendono la strada o la piazza in cui è ubicato l’esercizio, nonché gli altri spazi pubblici nel raggio di 50 metri dall’ingresso dell’esercizio di ristorazione.

In tutti i casi, prosegue il testo dell’ordinanza, rimane l’obbligo del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro e delle altre misure finalizzate al contenimento della diffusione del Covid.

Le aree individuate di massimo rispetto al fine del contenimento del rischio di contagio sono: piazza Labriola, Corso della Repubblica, piazza XV Febbraio, via Falese, via E. De Nicola, via Tommaso Piano, via Lombardia e via XX Settembre.

In queste aree è disposta una limitazione dell’accesso che comporta:
a) il divieto di stazionamento nell’area per le persone;
b) la possibilità di attraversamento dell’area solo per accedere agli esercizi commerciali legittimamente aperti ed alle abitazioni private compresi nell’area e per il deflusso dell’area stessa.

La violazione dei divieti imposti dall’ordinanza è punita con la sanzione amministrativa di 400 a mille euro.

L’ordinanza è stata pubblicato all’albo pretorio online sul sito istituzionale del Comune.

Leave a Response