previous arrow
next arrow
PlayPause
previous arrownext arrow
Slider
CronacaPrimo piano

Tor Bella Monaca- Carabinieri arrestano tre persone in poche ore

In manette due giovani trovati in possesso di droga e un 39enne che picchiava e minacciava la moglie al fine di ottenere denaro per la droga

In poche ore, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca hanno arrestato tre persone, due accusate di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e una terza accusata di maltrattamenti in famiglia, tentata estorsione e lesioni personali aggravate.

Un 25enne romano è stato fermato dai Carabinieri in via del Fuoco Sacro e a seguito di un controllo è stato trovato in possesso di 12 dosi di cocaina e un involucro contenente alcune dosi di hashish, I Carabinieri lo hanno arrestato e sottoposto agli arresti domiciliari in attesa del processo.

Invece, un 26enne romano, senza occupazione e già noto alle forze dell’ordine, è stato notato aggirarsi in una nota piazza di spaccio in via San Biagio Platani ed è stato fermato per una verifica. Nelle sue tasche, i Carabinieri hanno rinvenuto 8 dosi di cocaina e 110 euro in contanti, ritenuti provento dello spaccio. L’arrestato è stato portato e trattenuto in caserma in attesa del rito direttissimo.

I Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca, infine, hanno arrestato un 39enne romano, con precedenti, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa in data 2 ottobre 2020 dal Tribunale ordinario di Roma – Sezione Gip, per maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate e tentata estorsione nei confronti della moglie, una 39enne romana.

L’ordinanza è stata emessa a seguito della segnalazione dei Carabinieri che, al termine di un’attività d’indagine, hanno portato alla luce molti episodi di violenza che l’uomo, soggetto tossicodipendente, ha commesso nei confronti della vittima: in particolare percosse e minacce per ottenere, quotidianamente, somme di denaro per l’acquisto di droga. I Carabinieri lo hanno rintracciato presso la sua abitazione e lo hanno portato nel carcere di Rieti, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

(fonte: Comunicato Stampa)

Leave a Response