previous arrow
next arrow
PlayPause
previous arrownext arrow
Slider
CronacaPrimo piano

Operazione “Ghost Fuel”, arresti a Roma e Latina per contrabbando di carburante

Questa mattina 200 militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Roma, su ordinanza della Direzione Distrettuale Antimafia della Capitale hanno arrestato 16 persone – 14 in carcere e due ai domiciliari – nelle province di Roma, Latina, Napoli e Bari, oltre a quattro obblighi di dimora e nove di divieti per l’esercizio di imprese e uffici direttivi.

Le sedici persone appartengono a un sodalizio criminale volto al contrabbando, ricettazione e riciclaggio di carburante. L’organizzazione, con diramazioni internazionali, attraverso l’impiego di imprese intestate a “prestanome” e distributori stradali compiacenti aveva immesso nel territorio italiano oltre 4 milioni di litri di carburante per autotrazione in completa evasione d’imposta.

Il prodotto petrolifero di contrabbando partiva dalla Slovenia e dalla Polonia all’interno di autobotti scortate da lettere di vettura internazionale che attestavano il trasporto di olio lubrificante o di altra merce non soggetta ad accisa, così da eludere eventuali controlli.

Giunti in Italia, i carichi di gasolio venivano condotti in luoghi di stoccaggio nella disponibilità del gruppo criminale – a Fiano Romano, via della Magliana e via della Tenuta di Santa Cecilia – per essere travasati in altre autocisterne che – munite di nuovi documenti di accompagnamento creati ad hoc – partivano alla volta di due depositi commerciali siti a Pomezia e Formello, individuati quale base logistica del sodalizio. Dopodiché il carburante veniva dirottato ai distributori compiacenti (tutte “pompe bianche”) per la successiva vendita al dettaglio.

Nel corso delle indagini, svolte da gennaio a novembre di quest’anno, è stato quantificato in circa 4 milioni di litri l’ammontare del carburante di contrabbando immesso in consumo, con un’evasione di oltre 1.100.000 euro di I.V.A. e di 2.500.000 euro di accise.

L’attività repressiva eseguita dai Finanzieri durante le investigazioni ha, inoltre, consentito di trarre in arresto 11 persone colte in flagranza di reato mentre travasavano prodotto petrolifero di contrabbando nelle zone della Magliana e della Pisana, oltre al sequestro di 450 mila litri di gasolio, 27 automezzi, 1 deposito commerciale e 11 autopompe per i vari travasi.

 

Leave a Response