previous arrow
next arrow
PlayPause
previous arrownext arrow
Slider
CronacaPrimo piano

Appalti in cambio di lavoro, torna in libertà Pasquale Terlizzi

Pasquale Terlizzi, il 60enne di Ferentino finito agli arresti domiciliari la scorsa settimana nell’ambito dell’operazione Alter Ego condotta dalla Guardia di Finanza di Roma, è tornato in libertà con l’obbligo di due firme a settimana.

Terlizzi, che lavora come funzionario del provveditorato dell’amministrazione penitenziaria, era stato arrestato perché, secondo le indagini, avrebbe favorito l’appalto di una società per la realizzazione di alcuni lavori nel carcere di Frosinone in cambio dell’assunzione del figlio.

Attraverso la documentazione mostrata al Gip, Terlizzi ha dimostrato che il figlio ingegnere da tre anni lavora in una multinazionale per la quale ha svolto un rigido colloquio di selezione e inoltre, negli ultimi tre anni, ha ottenuto anche degli importanti avanzamenti di carriera.

Per quanto riguarda i lavori svolti presso il carcere di Frosinone, Terlizzi ha ammesso di aver incaricato una ditta che lavorava per l’amministrazione penitenziaria, ma soltanto perché la stessa ditta aveva acconsentito di svolgere lavori ad un prezzo contenuto e possedeva un macchinario molto particolare.

ARTICOLI CORRELATI

OPERAZIONE “ALTER EGO”, APPALTI IN CAMBIO DI LAVORO: IN MANETTE DUE CIOCIARI

Leave a Response