previous arrow
next arrow
PlayPause
previous arrownext arrow
Slider
CronacaPrimo piano

Inquinamento Valle del Sacco, chiesti due anni di reclusione per quattro imputati

Potrebbe esserci la svolta nella battaglia legale contro i responsabili dell’inquinamento nella Valle del Sacco. Il Pm Luigi Paoletti ha chiesto al Tribunale di Velletri due anni di reclusione per: Carlo Gentile, rappresentante legale della Caffaro di Colleferro, Giovanni Paravani, responsabile tecnico del consorzio Servizi Colleferro, Renzo Crosariol, responsabile depurazione delle acque, e Giuseppe Zulli, ex direttore della centrale del latte di Roma.

Le prime tracce dell’inquinamento nella Valle risalgono a quindici anni fa, quando furono rinvenuti venti bovini morti nel rio Santa Maria e la Asl trovò il beta-HCH nel latte proveniente dagli allevamenti. Il beta-HCH, ovvero il betaesaclorocicloesano, è un sottoprodotto del pesticida lindano, vietato dal 1978 e pericolosissimo per la salute, che può causare seri problemi a livello neurologico, cardiocircolatorio, endocrino, immunitario, renale e riproduttivo.

Secondo gli inquirenti il pesticida proveniva dall’azienda Caffaro, finito poi nel fosso Cupo e successivamente nel Sacco, contaminando acqua e suolo per poi finire nel latte, come accertato anche dall’Istituto zooprofilattico, dall’Arpa Lazio e dall’Ispra.

Leave a Response