previous arrow
next arrow
PlayPause
previous arrownext arrow
Slider
AttualitàPrimo piano

Isoletta d’Arce, ex cartiera Sigicar: a breve sopralluoghi e campionamenti d’acque

L’ARPA Lazio ha comunicato a Ilaria Fontana, Capogruppo della Commissione M5S Camera ambiente,lavori pubblici e territorio, che a breve verranno effettuati dei campionamenti di acque e un sopralluogo presso la cartiera Sigicar di Isoletta d’Arce, un ex sito industriale posto sotto sequestro a seguito della scoperta di un accumulo di 50 mila tonnellate di rifiuti tossici nocivi.
La storia e le indagini delle cartiere iniziano negli anni ’90, quando la distillazione di rifiuti pericolosi farmaceutici avvenuta in alcune industrie nel nord Italia e dichiarata come carburante alternativo biologico venne posta sotto la lente d’ingrandimento degli inquirenti e sfociò in diverse condanne. Si parla dei siti come quello della raffineria Omar di Lacchiarella a sud di Milano o della ex discarica di Pitelli, ex Sito di Interesse Nazionale ai fini di Bonifica e ribattezzato dai giornali come “la collina dei veleni”.
Si arrivò ad Arce perché lontani dai controlli da parte delle autorità giudiziarie di Milano e Monza, così i gestori decisero di sfruttare i contributi miliardari per l’area del mezzogiorno aprendo nuove società nel sud. Le indagini si sono tutte concluse con condanne e confische, ma la bonifica della ex Sigicar non è mai avvenuta.  Nell’ultimo mese di agosto si è registrato uno scarico anomalo di sostanze somiglianti ad idrocarburi in un canale prossimo all’area, dunque la pericolosità latente di questo sito deve essere gestita al più presto.
Auspico che la Regione Lazio, avendo la competenza in materia di gestione dei rifiuti e bonifiche, acceleri sull’aggiornamento del Piano Regionale delle Bonifiche e vi inserisca all’interno anche la ex cartiera Sigicar“, ha dichiarato la Fontana in un comunicato.
(nella foto il lago d’Isoletta)

Leave a Response