previous arrow
next arrow
PlayPause
previous arrownext arrow
Slider
CronacaPrimo piano

Operazione “Bad Energy”, arresti domiciliari per l’imprenditore Marco Perfili

Lo scorso 4 luglio la Guardia di Finanza aveva sgominato un sodalizio criminale riuscito ad ottenere indebitamente ingenti contribuzioni da parte del Gestore Servizi Energetici S.p.a., una società interamente partecipata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, attraverso la presentazione di documentazione falsa. Una truffa perpetrata su tutte il territorio nazionale dal 2014 al 2018, che ha portato alla disposizione di sei misure cautelari personali e al sequestro preventivo per un valore complessivo di 47 milioni di euro, nei confronti degli indagati e di tre aziende operanti nel settore delle energie rinnovabili ed efficientamento energetico con sede nel Lazio e in Veneto.

Tra le persone indagate anche Marco Perfili, giovane imprenditore ciociaro e presidente del settore Ambiente di Federlazio. Il Gip di Treviso, su richiesta della Procura, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare che ha portato all’arresto di due imprenditori veneti. Perfili, invece, difeso dall’avvocato Calogero Nobile, ha ottenuto gli arresti domiciliari. L’indagine, portata avanti lo scorso mese di luglio dalla Guardia di Finanza di Frosinone, aveva portato al sequestro dell’intero patrimonio della famiglia Perfili, tra cui il parco naturalistico “La Selva” di Paliano.

 

ARTICOLI CORRELATI

GUARDIA DI FINANZA, I DETTAGLI DELL’OPERAZIONE “BAD ENERGY”

Leave a Response