Confcommercio Lazio Sud
previous arrow
next arrow
PlayPause
previous arrownext arrow
Slider
AttualitàPrimo piano

Anagni, 130 mila euro in arrivo dal Mise per l’efficientamento energetico

Ad Anagni spetteranno 130 mila euro nell’ambito dei 500 milioni stanziati dal Ministero dello Sviluppo Economico per la realizzazione di progetti relativi ad investimenti nel campo dell’efficientamento energetico e dello sviluppo sostenibile.

«Una piccola ma importante vittoria per l’amministrazione comunale di Anagni, che ha dimostrato attenzione per le occasioni di finanziamento legate a temi così importanti per la modernizzazione del territorio ed il miglioramento della vita dei cittadini». A spiegare l’iter da seguire è il consigliere subdelegato ai Bandi e finanziamenti europei e regionali, Davide Salvati: «Con l’arrivo di questo finanziamento ministeriale respingiamo le critiche pretestuose al mittente; non si poteva, infatti, espletare la procedura di finanziamento quando il Mi.Se. ancora non aveva pubblicato i metodi di assegnazione di tale contributo. Questo contributo è destinato a opere di efficientamento energetico come interventi di illuminazione pubblica, di risparmio energetico degli edifici pubblici, di installazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili e di sviluppo territoriale sostenibile come interventi per la mobilità sostenibile, l’adeguamento e la messa in sicurezza di scuole ed edifici pubblici, l’abbattimento delle barriere architettoniche. Visto che le disposizioni operative e le modalità di controllo verranno disciplinate con successivi provvedimenti ministeriali, nei prossimi giorni, assieme al sindaco Natalia, effettueremo riunioni con i responsabili degli uffici comunali per individuare i progetti da sviluppare così da poter iniziare i lavori prima del 31 ottobre, giorno in cui è fissato il termine ultimo per l’inizio dei lavori. Garantisco la celerità nelle scelte perché questo finanziamento ha, di fatto, un’importanza strutturale per un salto di qualità significativo di Anagni nel campo dell’efficientamento energetico e, quindi, nel miglioramento dei servizi al cittadino».

Leave a Response